CASE DESIGN STILI NOVEMBRE 2018

0

5 Novembre 2018

Case Design Stili: il numero di novembre 2018

È in edicola CASE DESIGN STILI, il magazine dedicato all’home design che promuove la cultura del progetto e si conferma contenitore interattivo di gusto e di tendenze.

In questo numero:

Equilibri in stile Seventies a Torino
L’architetto Fabio Fantolino ha curato il restyling di un appartamento nel cuore di Torino, con grandi vedute su una delle più belle piazze della città, puntando su una distribuzione fluida degli spazi e su un interior design orientato a una lettura contemporanea degli anni Settanta. Con un progetto sartoriale, sono stati realizzati su misura molti degli arredi della casa e alcuni dettagli, come l’inserto in vetro e legno che incornicia la cucina, la panca sospesa lungo il perimetro del living e la quinta orientabile in legno della zona pranzo. Leggeri tocchi di blu, esaltati dall’abbondante luce naturale, ravvivano interni equilibrati ma di carattere, che includono alcuni elementi di Phanto, il brand lanciato da Fabio Fantolino nel 2015. (di Eloise Farnesi – foto di Giorgio Possenti)

Estetica New Country in Liguria
Ad Alassio, i due interior designer Roberto Barbero e José Maria Rodriguez, dello Studio Rodriguez, hanno ristrutturato un vecchio palazzetto in pietra, trasformandolo con assoluta libertà creativa nel loro buen retiro per il fine settimana. La casa degli antichi gelsi, così chiamata in omaggio alla coltura dei bachi da seta, che nell’Ottocento era la principale attività del territorio, è oggi un elegante mix di antico e nuovo, con i tre piani collegati da una scala in resina con i gradini numerati, che si sviluppa da un pilastro camuffato da albero. Sparsi ovunque, bauli antichi e scatole vintage suggeriscono l’aria di vacanza e di viaggio che si respira in ogni ambiente, dalla cucina rustica in continuità con il living all’intimo patio comunicante con la sala da pranzo attraverso una grande vetrata ad arco.
(di Roberto Begnini – foto di Gianni Franchellucci)

Geometrie a colori a Roma
L’architetto Filippo Bombace, fondatore dello studio Oficina de arquitectura, ha firmato la ristrutturazione di un appartamento romano all’interno di una palazzina degli anni Trenta sfruttando a suo vantaggio i limiti strutturali e impiantistici che la costruzione imponeva. L’interior design, infatti, è stato la chiave di volta del progetto, attraverso un uso del colore vivace ma senza eccessi, in un disegno armonico al quale partecipano il pavimento in rovere, gli arredi e le finiture a parete. Tocchi di azzurro polvere e di rosa antico, con accenti viola, esaltano composizioni che integrano sobrio design scandinavo e modernariato italiano degli anni Cinquanta e Sessanta, con un risultato contemporaneo, mai nostalgico e del tutto originale.
(di Alessandra Valeri – foto di Serena Eller Vainicher)

Speciale Riscaldamento
La necessità di conciliare le aspirazioni estetiche del design con la massima efficienza termica, nel rispetto dell’ambiente, è alla base della selezione di camini, stufe e radiatori a basso impatto e con consumi contenuti di questo numero, scelti tra le ultime novità del settore, con accesso al conto termico e alle detrazioni fiscali previste dalla legge per chi riqualifica sul piano energetico il proprio immobile. A legna o a pellet, tutti gli apparecchi domestici sono tenuti a esibire l’etichetta energetica Ecolabel e alcuni produttori hanno già adeguato i loro prodotti di alta gamma ai nuovi Regolamenti Ecodesign, la direttiva europea che sarà in vigore dal 1° gennaio del 2022.
(di Alessandra Valeri)

Speciale Immobiliare: Matera
Capitale europea della cultura nel 2019, già set di pellicole cult, Matera negli ultimi anni ha visto impennare le quotazioni dei propri immobili, grazie anche a un’offerta che in questo momento non è in grado di soddisfare la richiesta, avanzata da parte di investitori soprattutto internazionali, provenienti da diversi paesi europei, insieme a Russia, Giappone e Cina. La zona più ambita resta ovviamente quella dei Sassi, dove i prezzi al metro quadro superano di molto i valori medi di 2.500-2.700 euro al metro quadro. Chi investe, però, deve fare i conti anche con le spese di ristrutturazione, che nei Sassi possono comportare un impegno pari e talvolta più elevato di quello sostenuto per l’acquisto dell’immobile.
(di Antonio Schembri)

Novità in Edicola

Non perdere nemmeno una copia della tua rivista preferita. Prenota su primaedicola.it e ritira in edicola.

Case Design Stili Novembre 2018

 

 

Leave a Reply